CER SI PAMANT ROMANESC

Cuvant despre noi, romanii

UN STUDIU CARE II DIVIDE PE PSIHOLOGI:VIITORUL SE POATE…”SIMTI”! Uno studio divide gli psicologi:Il futuro „si può sentire.”

File:Back to the Future II Soundtrack Verese Sarabande.PNG

Una dintre cele mai importante reviste americane de psihologie va publica studiul unui profesor de la Cornell University, in care acesta demonstreaza ca evenimente inca neintamplate pot influenta prezentul.

Fara carti de tarot sau glob de cristal: viitorul se poate „simti”.Afirmatia nu apartine unor clarvazatori sau ghicitoare, ci unui grup de cercetatori de la Cornell University, din Ithaca, New York. Articolul acestora, intitulat sugestiv „Feeling The Future”, este primul pe tema unor fenomene considerate in mod obisnuit de domeniul paranormalului admis de o revista de psihologie „serioasa”, in cazul de fata „Journal of Personality and Social Psychology”. 

Pana acum, fraze de genul „am simtit ca se va intampla” au fost intotdeauna „taxate” de stiinta drept simple sugestii. Daryl Bem si colegii sai insa sunt convinsi ca lucrurile nu stau astfel si pentru a-si demonstra teoria, pe parcursul a 8 ani, ei au strans o „masa critica de date” menite a demonta eventualele obiectii ale contestatarilor  Si se pare ca au reusit: articolul lor va fi publicat la finele anului, desi a suscitat deja polemici aprinse.

Termenul-cheie utilizat de psihologi atunci cand se refera la fenomene inexplicabile este asa-numitul factor „PSI”, folosit pentru a indica „toate acele procese anormale de transfer de energie si informatii care nu au o explicatie fizica sau biologica”, a explicat Bem. Printre acestea: telepatia, clarviziunea, psihochinezia si premonitia. Desi cea mai mare parte a lumii academice nu crede in aceste fenomene, rigoarea stiintifica a experimentelor prezentate de profesorul de la Cornell (un pasionat de fenomene paranormale, dar si un psiholog stimat la nivel international pentru studiile sale pe tema perceptiei sinelui) i-a lasta cu gura cascata chiar si pe cei mai virulenti contestatari ai existentei factorului PSI.

Pentru a reusi sa demonstreze existenta unui soi de relatie intre evenimente care inca nu s-au intamplat si deciziile luate in viata de zi cu zi, psihologul a examinat peste o mie de studenti, voluntari, supunandu-i unei serii de 9 experimente.

Noutatea abordarii sale sta in faptul ca a luat in consideratie fenomene   foarte cunoscute, inversandu-le insa ordinea logico-temporala. Mai exact, ceea ce de obicei este interpretata drept cauza unui comportament, in experimente a fost dezvaluita de-abia dupa ce evenimentul survenise.

Rezultatele studiului, considerate relevante din punct de vedere statistic in 8 cazuri din 9, au dovedit ca procesele analizate functioneaza si atunci cand cauza vine dupa alegere, ca si cum actiunile noastre ar fi efectul unui eveniment viitor.

Il futuro „si può sentire”.Uno studio divide gli psicologi

Una delle più importanti riviste americane di psicologia pubblicherà il lavoro di un professore che sostiene di aver dimostrato che gli eventi non ancora accaduti possono influenzare quelli presenti. La comunità scientifica è scettica di GIULIA BELARDELLI

Il futuro "si può sentire" Uno studio divide gli psicologi

NON c’entrano i tarocchi, né la palla di cristallo e nemmeno i fondi di caffè. Il futuro si può „sentire”. A dirlo non è un manipolo di chiaroveggenti e fattucchiere ma un gruppo di scienziati dellaCornell University  di Ithaca, nello Stato di New York. Il loro articolo, intitolato appunto „Feeling The Future”, è il primo studio su fenomeni tipicamente considerati paranormali a essere stato ammesso su una rivista di psicologia „seria”, in questo caso ilJournal of Personality and Social Psychology

Finora, frasi del tipo „me lo sentivo” o „sapevo che sarebbe successo” sono sempre state bollate dalla scienza come pure suggestioni. Daryl Bem e colleghi, tuttavia, sono convinti che non sia così. Per dimostrarlo hanno aspettato otto anni, nel corso dei quali hanno raccolto una „massa critica di dati” sufficiente a contrastare le obiezioni dei revisori che avrebbero passato al setaccio il loro lavoro.

E ci sono riusciti: l’articolo uscirà entro fine anno ma ha già suscitato un dibattito destinato a fare parecchio rumore.

Indagando il fattore „psi”. Il termine chiave con cui psicologi e altri studiosi si riferiscono a fenomeni inspiegabili è il fattore „psi”: con questa lettera greca, spiega Bem nel suo articolo, „vengono indicati tutti quei processi anomali di trasferimento di energie e informazioni che non hanno una spiegazione fisica o biologica”. Tra questi, la telepatia, la chiaroveggenza, la psicocinesi (ovvero l’influenza apparente di pensieri e intenzioni su processi reali indipendenti), la precognizione e la premonizione di eventi futuri.

La grande maggioranza del mondo accademico, soprattutto in psicologia, non crede in questi fenomeni, eppure il rigore scientifico degli esperimenti presentati da questo professore della Cornell University – che per inciso è sì un appassionato di fenomeni paranormali, ma anche uno psicologo stimato a livello internazionale per i suoi lavori sulla percezione del sé – ha lasciato attoniti anche i più ferventi oppositori dell’esistenza di psi.

Prevedere il futuro. Per riuscire a dimostrare l’esistenza di una „specie di relazione” tra eventi che devono ancora accadere e le decisioni che prendiamo nella vita quotidiana, lo psicologo ha esaminato oltre mille studenti volontari, sottoponendoli a nove esperimenti. La novità dell’approccio sta nell’aver preso in considerazione fenomeni ben noti, invertendone però l’ordine logico-temporale. In sintesi, ciò che di solito viene interpretato come la causa di un comportamento, negli esperimenti è stato mostrato o raccontato solo dopo il verificarsi dell’evento stesso. I risultati – considerati statisticamente rilevanti in otto casi su nove – hanno mostrato che i processi analizzati funzionano anche se la causa arriva dopo la scelta, come se le nostre azioni fossero il frutto di qualcosa che deve ancora avvenire.

Sperimentare la premonizione. In uno di questi esperimenti, ad esempio, Bem ha testato un fenomeno psicologico studiato a lungo: il priming affettivo. Nello scenario classico una persona, dopo aver osservato un parola su uno schermo, deve giudicare nel più breve tempo possibile se un’immagine è piacevole o meno. Da tempo è stato notato che se la parola che precede l’immagine ha un significato inverso rispetto alla figura (ad esempio, l’aggettivo „brutto” e un disegno piacevole) le persone impiegano più tempo a rispondere. Il ricercatore americano ha dunque rigirato l’esperimento: i partecipanti vedevano l’immagine e dovevano esprimere un giudizio prima di leggere. Stranamente, anche in questo caso quando la parola (scelta casualmente dal computer solo dopo la risposta) aveva un significato opposto, i soggetti impiegavano più tempo a esprimere un giudizio. Allo stesso modo, Bem ha testato altri effetti psicologici come l’attrazione verso cose piacevoli, l’istinto ad allontanarsi dai pericoli, la facilità con cui si richiamano parole e oggetti già visti: in tutti i casi, ha invertito l’ordine temporale, ottenendo sempre come risultato la conferma della retroattività della causa.

Fisica o evoluzione? Riguardo le origini di questa capacità, lo psicologo non ha dubbi: una volta apparsa, psi è stata selezionata positivamente per gli indiscussi vantaggi che porta con sé.

La possibilità di predire la presenza di pericoli così come di prevedere dove c’è qualcosa di attraente avrebbe conferito e continuerebbe a conferire benefici notevoli a chi la possiede. Ma come giustificare tali fenomeni?

Su questo Bem mette le mani avanti, scrivendo che spesso nella scienza i dati empirici arrivano quando le spiegazioni non sono state ancora neanche immaginate e che varie altre teorie ritenute impossibili si sono poi rivelate vere. A metafora delle sue scoperte, prende l’esempio della meccanica quantistica: all’inizio – ricorda lo psicologo – anch’essa fu oggetto di numerosissime critiche, eppure oggi è la teoria su cui poggia gran parte della fisica moderna

Le reazioni. Com’era prevedibile, lo studio ha suscitato un certo clamore nel mondo accademico. A passarlo al vaglio è stato un team di quattro revisori, che pur avendo suggerito delle modifiche non hanno riscontrato alcuna incongruenza di fondo.

„Personalmente, credo che tutto ciò sia ridicolo e non possa essere vero – scrive suPsychology Today Joachim Krueger, psicologo della Brown University (Providence) che ha fatto di tutto per trovare un tallone d’Achille al lavoro di Bem – tuttavia dal punto di vista della metodologia e di come è sono stati disegnati gli esperimenti, lo studio è inattaccabile”.

Charles Judd, responsabile editoriale della pubblicazione sul Journal, ha fatto sapere che l’articolo sarà accompagnato da un editoriale che solleverà dei dubbi. „La speranza – ha precisato – è che altri studiosi colgano la sfida e provino a replicare questi risultati”. Finora si è cimentato solo un gruppo dell’Università di Pittsburgh, ma senza successo (forse per aver utilizzato un questionario via internet). Daryl Bem, intanto, ha affermato di essere già stato contattato da decine di ricercatori con la richiesta di maggiori dettagli.

Credere l’impossibile. Prevedendo lo scetticismo che avrebbe incontrato (anche se per questo non ci voleva una gran psi), Bem conclude il suo articolo con una citazione da Alice nel paese delle meraviglie, il capolavoro con cui Lewis Carroll ha fatto sognare intere generazioni di bambini. Al termine del suo incontro con la Regina di Cuori, Alice esclama: „Non si può credere a una cosa impossibile!”.

„Oserei dire che non ti sei allenata molto”, risponde la Regina. „Quando ero giovane, mi esercitavo sempre mezz’ora al giorno. A volte riuscivo a credere anche a sei cose impossibili prima di colazione”. Siete più convinti ora?

(12 novembre 2010)

Surse:La Repubblica it. si Descopera.ro

15/11/2010 Posted by | DIVERTSMENT | , , , , , , , , , , | 5 comentarii

   

%d blogeri au apreciat: